Welcome to MEIKO.
Please select a country and click "confirm".
    The clean solutions

    Hilton Amsterdam

    Lavaggio sostenibile a Schiphol

    E i retrocucina sono una parte importante di quest'area.

    È uno spettacolo strepitoso. I numerosi piani si snodano seguendo una linearità mozzafiato che porta al soffitto in vetro dell'atrio alto 42 metri. La reception e le scale mobili sono molto frequentate: c'è un gran via vai di turisti e uomini e donne d'affari. Ma anche il movimento dietro le quinte è altrettanto impressionante. Perché è lì che si trova il cuore dell'hotel. E i retrocucina sono una parte importante di quest'area. “Sono un punto nodale logistico in cui si incontrano rifiuti e pulizia”, spiega il nostro Sales Manager Johan de Bok. “È molto importante che i lavori siano svolti in modo coordinato”.

    Sfida logistica

    La pianificazione dei lavori era nelle mani del consulente per “food & beverage” dell'Hilton, 3Blue International. “In un hotel le stoviglie sporche si accumulano nei momenti più disparati e in diverse zone”, afferma, ben consapevole di ciò, Bart Kerssen, proprietario del 3Blue International. “La logistica interna e il rendimento sono quindi punti di partenza importanti nella progettazione delle cucine e nella determinazione delle specifiche tecniche”. Già nel 2010 Schipol Real Estate entrò in contatto con l'azienda e commissionò uno studio di fattibilità e una valutazione del volume per il settore “food & beverage”. Dopo un lungo e continuo processo di progettazione, presentazione e adattamento, nel 2013 si giunse all'attribuzione dell'appalto per l'allestimento completo delle cucine. Nel 2014, Bouter, lo specialista di grandi cucine di Zoetermeer, si aggiudicò questo appalto.

    Cucine maestose e “verdi”

    L'appalto pose a Bouter alcune sfide importanti. Ad esempio, la dimensione del progetto era una di queste. “Attualmente l'Hilton Amsterdam Airport Schiphol dispone delle cucine più imponenti dei Paesi Bassi”, dichiara con sicurezza il Direttore di Bouter, Antal van Dillen. “Cucine che peraltro sono molto frequentate. E inoltre l'Hilton Amsterdam Airport Schiphol, in quanto Green Key Hotel, si pone ovviamente requisiti alti in termini di sostenibilità. A ciò si aggiunse il fatto che le parti coinvolte nel progetto, con cui Bouter dovette collaborare, erano moltissime. 3Blue International, Schiphol Real Estate, il committente, Hilton Amsterdam Airport Schiphol… “Ogni attore si concentrava su aspetti diversi e aveva priorità diverse. Ma insieme al nostro partner MEIKO siamo riusciti a trasformare tutte le esigenze in una fantastica soluzione su misura!”

    Biglietto da visita sostenibile

    Lavastoviglie a traino e con avanzamento a cestello, tavoli di cernita... I retrocucina dell'Hilton Amsterdam Airport Schiphol sono un fiore all'occhiello eccezionale per MEIKO. In una delle cucine si lavora intensamente all'ultimo ciclo di stoviglie della colazione. “Oltre a fornire gli apparecchi, naturalmente offriamo anche una preparazione professionale alle persone che li utilizzeranno. E dopo alcune settimane torniamo per chiarire eventuali dubbi, se necessario”. Tutti gli apparecchi sono conformi alle norme DIN in vigore e ai requisiti di sostenibilità. Meno vapore possibile, un elevato recupero del calore delle fumane, risparmio d'acqua... “Grazie al recupero del calore delle fumane possiamo riscaldare l'acqua corrente da 10 a 47 °C. Così si risparmia energia. E vede questi filtri?”, chiede Johan indicando i cesti di lavaggio. “Filtrano i rifiuti. Così si risparmia circa la metà del consumo d'acqua rispetto alle macchine tradizionali! Se siamo orgogliosi di questo progetto?”. Risponde con un sorriso: “Certamente! È un nome famoso e un gran bel biglietto da visita per MEIKO!”