Welcome to MEIKO.
Please select a country and click "confirm".
The clean solution

Consumo d'acqua nella ristorazione

Perché vale doppiamente la pena usare responsabilmente una risorsa scarsa

Wasser sparen in der Gastronomie

Da una prospettiva globale, la disponibilità di acqua potabile e di quella rinnovata diminuisce sempre più, fattore che non costituisce solo una sfida ecologica. Anzi, la continua crescita del prezzo dell'acqua incide in misura sempre maggiore anche sulle azioni economiche degli utenti privati, commerciali e industriali. Leggete nella seconda parte della nostra serie sull'acqua come è possibile risparmiare acqua nel settore alberghiero e della ristorazione, e come ne possono beneficiare sia l'ambiente che il portafogli.

Il settore alberghiero e della ristorazione può proteggere l'ambiente utilizzando la preziosa risorsa acqua in modo più sostenibile. Il consumo totale di acqua è ridotto e quindi anche i costi di esercizio sono inferiori.

Come la crescente scarsità di acqua ponga molti Paesi davanti ad una sfida ecologica globale, l'abbiamo illustrato nel testo "Una risorsa preziosa: l'acqua. Perché faremmo bene a usare con attenzione questo elemento essenziale per la vita".

Tuttavia, i crescenti prezzi dell'acqua spingono il mondo ad agire anche sul campo economico. Ecco perché vogliamo dare qualche consiglio ai ristoratori su come risparmiare acqua.

Il consumo di acqua deve essere ridotto
Avere sempre la situazione sotto controllo: verificare il consumo d'acqua sul contatore

Il consumo d'acqua è fortemente aumentato in tutto il mondo

Innanzitutto qualche fatto: secondo i dati del World Water Development Report delle Nazioni Unite (ONU), negli ultimi decenni il consumo d'acqua è aumentato globalmente di circa l'1% all'anno. Le principali cause sono collegate soprattutto all'elevata domanda nei settori dell'agricoltura, dell'industria e nel settore idrico pubblico, che secondo l'ONU è destinata a crescere ulteriormente. A seconda del Paese, del livello di sviluppo e delle priorità economiche, l'acqua è distribuita in modo disomogeneo.

Ad esempio, in Europa due terzi dell'acqua disponibile viene consumata nell'industria e nell'agricoltura, mentre negli USA la sola irrigazione delle aree agricole costituisce più dell'80%. In vaste parti del mondo il consumo delle famiglie è relativamente basso. E anche enti pubblici quali ospedali, case di riposo, università, scuole e asili, nonché hotel, ristoranti e il settore sempre più in crescita della ristorazione collettiva occupano gli ultimi posti della classifica dei consumi. Ciononostante questo non è un buon motivo per non risparmiare acqua. 

Settore alberghiero: energia elettrica e acqua sono costi

Per motivi ecologici ed economici, anche in questo settore è importante fare un uso responsabile e attento di questa preziosa risorsa. Ad esempio, negli hotel di lusso, per ogni pernottamento, si consuma molta più acqua di quella che si consuma normalmente a testa nelle famiglie (fonte: DEHOGA). Secondo quanto hanno scoperto l'operatore turistico Thomas Cook e l'iniziativa di sostenibilità Futouris nel progetto avviato nel 2014 "L'acqua: risorsa preziosa", è possibile ridurre il consumo d'acqua negli hotel del 20 - 50%. Il fatto che alcuni hotel risparmino già la metà dell'acqua, mette in luce il potenziale di risparmio per tutto il settore.

 

 

Ridurre il consumo d'acqua degli hotel del 20 - 50%

Una cosa è chiara: oltre al consumo di energia elettrica, il consumo d'acqua è in tutto il mondo un fattore di costo centrale, dato che non si tratta soltanto di scarsità di acqua a livello globale, bensì i costi sempre più onerosi della pulizia e del trattamento delle acque di scarico fanno aumentare  notevolmente il prezzo. Per tutti questi motivi, è assolutamente importante che la ristorazione punti su un uso ecologico dell'acqua ed anche efficiente dal punto di vista dei costi. Vi spieghiamo come.

5 consigli che vi permettono di risparmiare acqua!

1. Stabilire il consumo d'acqua

Chi vuole migliorare qualcosa ha bisogno di una base concreta da cui iniziare. Prima di prendere tutte le misure del caso, è bene stabilire e valutare il vostro consumo d'acqua. Se necessario, rivolgetevi ad un esperto. Se il successo e l'insuccesso sono misurabili è possibile aggiustare il tiro ed ottimizzare costi e consumi.  Questo è un processo graduale, che richiede pazienza!

2. Formare i collaboratori e informare i clienti

Risparmiare acqua è uno sforzo collettivo. Per questo è importante sensibilizzare e formare in modo mirato i collaboratori sul tema. Inoltre, si consiglia di informare i clienti in modo elegante e discreto (!) su eventuali novità e incoraggiarli ad usare l'acqua dei servizi con responsabilità. 

Risparmiare acqua con una lavastoviglie per la ristorazione
Il consumo di energia delle lavastoviglie per la ristorazione è nettamente inferiore rispetto a quello delle lavastoviglie convenzionali.

3. Puntare su tecnologia moderna

È bene preferire le lavastoviglie professionali rispetto a quelle domestiche, perché in genere sono in grado di consumare meno della metà dell'acqua. In caso di elevata frequenza di lavaggio, il potenziale di risparmio è enorme.

Anche le toilette con pulsante per il risparmio d'acqua, scarichi a fotocellula e senza acqua sono decisamente ecologici e risparmiano i costi.

Grazie ai regolatori del getto è possibile ridurre l'erogazione di acqua in lavelli, lavabi e docce. E anche i lavelli dotati di rubinetti elettronici o comandi a pedale consumano meno acqua. Tutto può essere un aiuto.

4. Eliminare le perdite

Rubinetti che gocciolano, guarnizioni difettose, perdite da apparecchi, tubi e lavandini di qualsiasi tipo … Quelli che sembrano piccoli guasti causano grandi perdite di acqua che possono costare caro: si può parlare di diverse centinaia di litri di acqua all'anno. Pertanto, investire e riparare subito significa risparmiare sul lungo termine!

5. Raccogliere acqua piovana e utilizzare le acque grigie

Piante, alberi e giardini non devono essere necessariamente annaffiati e coltivati attraverso la normale rete idrica. Basta usare l'acqua piovana, che potete raccogliere in bidoni e cisterne.

È possibile usarla anche per lo scarico delle toilette, in caso di infrastruttura adeguata. Inoltre, un impianto di riciclaggio per le acque grigie può far parte di una buona soluzione: le acque grigie sono acque di scarico meno inquinate, che, se trattate, possono essere usate per pulire in giardino o per lo scarico delle toilette. 

È importante fare un uso attento e responsabile dell'acqua – sia per motivi ecologici che economici. Volete sapere dove è ancora possibile risparmiare nella vostra struttura? Per consigli e spunti interessanti, leggete "Una gestione professionale dei bicchieri aiuta a risparmiare tempo e denaro"!

Barile d'acqua con acqua piovana
Raccogliere l'acqua piovana, trattarla e utilizzarla per la pulizia.